CsZW6_hXgAAIJ4W

L’ultima corsa di “Wolkswagen” Re Cecconi

Non solo lo scudetto vinto insieme li accomuna.

Ma anche la morte, distanziandoli in poco piu’ di un mese.

Luciano Re Cecconi e Tommaso Maestrelli, già.

Tommaso Maestrelli,stroncato da un tumore al fegato, muore il 5 dicembre 1976.

Ma non basta, per i colori biancocelesti, il dolore rovente della perdita di quel magnifico condottiero che aveva saputo condurre un gruppo di brillanti anarchici, e non solo calcisticamente, alla vittoria del campionato qualche anno prima.

Re_Cecconi_Maestrelli
Re_Cecconi_Maestrelli

Una vittoria nata fra liti, scazzottate, clan divisi, allenamenti separati e qualche pistolettata ai novizi o ai lampioni.

Sono anni duri, a Roma.

Anche Di Bartolomei, il futuro capitano della squadra dell’altra sponda del Tevere, la Roma, confesserà di girare armato.

E le pistole sono dannatamente nel destino suo e di Re Cecconi.

(150115) -- LOS ANGELES, Jan. 15, 2015 (Xinhua) -- Actor Chris Pine (L) and Academy of Motion Picture Arts and Sciences President Cheryl Boone Isaacs (R) announce the nominees for Best Picture during the nominations announcement for the 87th Academy Awards in Beverly Hills, California, the United States, Jan. 15, 2015. (Xinhua/Yang Lei)
(150115) — LOS ANGELES, Jan. 15, 2015 (Xinhua) — Actor Chris Pine (L) and Academy of Motion Picture Arts and Sciences President Cheryl Boone Isaacs (R) announce the nominees for Best Picture during the nominations announcement for the 87th Academy Awards in Beverly Hills, California, the United States, Jan. 15, 2015. (Xinhua/Yang Lei)

E’ una dannata sera del 18 gennaio 1977.

Luciano Re Cecconi, insieme al compagno di squadra Pietro Ghedin, inscena, per scherzo, una rapina in una gioielleria di Roma.

Sanno che è stata rapinata altre volte, pare che conoscano il proprietario e che vogliano inscenare l’ennesima goliardia che caratterizzava quella squadra di purosangue ai quali difficilmente si riusciva a mettere le briglia.images

Entra con le mani infilate nelle tasche del soprabito, il colletto alzato per nascondere il viso e grida: «Fermi tutti, questa è una rapina!»

Il proprietario, Bruno Tabocchini, stanco dell’ennesima aggressione, gli spara a bruciapelo un colpo di rivoltella, non riconoscendo l’illustre rapinatore.

Luciano Re cecconi
Luciano Re cecconi

Luciano Re Cecconi aveva ventinove anni; Wolkswagen, come era chiamato, terminava, in questo tragico modo, la sua ultima corsa, quella della vita.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>